Viaggiare sicuri in Marocco: pregiudizi da sfatare - ItaloBackpackers
Viaggiare sicuri in Marocco: cosa sapere prima di partire
AFRICA MAROCCO

Viaggiare sicuri in Marocco: pregiudizi da sfatare

on
29 Novembre 2019

Prima di qualunque viaggio, seppur innocentemente, tutti noi abbiamo delle idee precise su quel paese, città o nazione, idee che poi sistematicamente vengono sfatate o confermate dall’esperienza di viaggio. È forse una delle cose più affascinanti del viaggio stesso, trovare conferme delle nostre idee o vederle smentite completamente, situazione che procura un turbinio di emozioni che contribuiscono a rendere il viaggio indimenticabile.

In questo articolo voglio sfatare un po’ di pregiudizi relativi al Marocco e ai suoi abitanti, idee e dubbi che avevo in mente prima di partire o che in tanti mi hanno posto prima e dopo il viaggio. Ecco cosa sapere prima di partire per Viaggiare sicuri in Marocco.


Come si mangia in Marocco?

Comincio col dire che in Marocco si mangia bene e che chi vi dice il contrario probabilmente ha provato a mangiare la pasta o la pizza. Siamo in Marocco, non in Italia, è ovvio che il cibo tipico italiano non sarà buono come in Italia, mentre i piatti marocchini sono davvero squisiti.

Viaggiare sicuri in Marocco - Come si mangia in Marocco?

Assolutamente da assaggiare è il cous cous, solitamente condito con qualche spezia e accompagnato da verdure e carne di pollo o di manzo. Mi ha colpito positivamente il fatto che si mangino solamente frutta e verdura di stagione, tutte coltivate senza l’utilizzo di additivi particolari e senza esagerare con l’acqua: erano anni che non mangiavo della frutta così saporita. Dal melone all’anguria, dalle arance ai fichi d’india, dalle pesche alle albicocche: in 10 giorni di viaggio in cui ho mangiato frutta tutti i giorni, non mi è mai capitato di pensare “no, questo frutto non è buono”.


Come sono i marocchini?

Innanzitutto è bene partire con una precisazione: gli abitanti del Marocco non sono solo i marocchini. Nel nostro viaggio abbiamo avuto la fortuna e il piacere di incontrare anche i Berberi, una popolazione autoctona del Nord Africa, presenti in Marocco, Algeria, Tunisia e Libia. La differenza culturale con i marocchini si sente, ma nonostante tutto marocchini e berberi riescono a vivere in armonia tra di loro. 

Nella nostra esperienza abbiamo avuto a che fare con persone molto gentili, ospitali e sorridenti e con persone un po’ più serie e distanti. Proprio come potrebbe capitare in qualsiasi stato non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma personalmente mi aspettavo più distacco da parte degli abitanti del luogo che invece sanno essere molto gentili e cordiali.


Il Marocco è pericoloso.

Questo è un altro pregiudizio che mi portavo dietro anche io. Non solo, in tantissimi mi hanno avvisato di fare attenzione a Fès, a detta loro una delle città più pericolose del Marocco.

Niente di più falso per quanto riguarda la nostra esperienza: certo è giusto fare attenzione e tenere gli occhi aperti perché il pericolo è dietro l’angolo (come in molte città italiane o europee), però con la giusta dose di precauzioni (ad esempio è saggio evitare di tenere sempre il telefono in mano o il portafogli in bella vista) ed evitando di dare troppa confidenza ai mercanti i pericoli si riducono drasticamente.

I cristiani non sono ben accetti in Marocco.

L’idea principale che si ha prima di andare in Marocco è questa: essendo quasi tutti musulmani sicuramente ci troveremo dinanzi a persone intolleranti, retrograde, chiuse e chi più ne ha più ne metta.

Viaggiare sicuri in Marocco

Personalmente anche io avevo qualche pregiudizio per quanto riguarda la possibile convivenza tra cristiani e musulmani, sono rimasto stupito invece di vedere una grande apertura mentale anche dal punto di vista religioso. 

In Marocco bisogna sempre contrattare sul prezzo.

Un pochino questa frase è vera: non fidatevi mai del primo prezzo che vi è stato detto. A parte in alcuni ristoranti dove i prezzi sono scritti, per il resto dovrete SEMPRE contrattare il prezzo di ciò che state acquistando, taxi incluso. Quindi preparatevi e sappiate che il prezzo giusto è almeno la metà di quanto vi è stato chiesto inizialmente!


Non bere mai l’acqua del rubinetto!

L’acqua del rubinetto è potabile per i marocchini ma per noi è fortemente sconsigliato usarla. Sia per lavarvi i denti che per lavare la frutta, evitate di usare l’acqua del rubinetto e ricordate che in Marocco l’acqua in bottiglia sarà la vostra migliore amica.


In Marocco non si può bere alcool.

Un altro mito da sfatare è il fatto che in Marocco sia vietato bere alcool. Esistono svariati locali che vendono birre e super alcolici, ma per ovvie ragioni ve li faranno pagare a peso d’oro. In ogni caso è facile bere una bevanda alcolica in Marocco, al contrario di quanto si possa pensare. 

Viaggiare sicuri in Marocco

In conclusione mi sento di potervi dire che ovviamente anche il Marocco, come tutti i paesi, ha i suoi rischi e pericoli, ma evitate di credere a tutto quello che vi dicono, informatevi un po’ prima di partire e soprattutto abbiate sempre del buon senso prima di agire per evitare di ritrovarvi in situazioni spiacevoli. Il Marocco è un paese meraviglioso ed evitare di visitarlo per delle paure infondate sarebbe davvero un gran peccato.

Se state organizzando un soggiorno in Marocco vi consigliamo di leggere anche gli articoli su Cosa vedere a Marrakesh e su come Dormire nel deserto in Marocco.

E vi lasciamo con qualcosa che potrebbe tornarvi utile per il vostro viaggio in Marocco: uno sconto di 15 euro su Booking e 25 euro di sconto su Airbnb che vi aiuteranno a viaggiare lowcost.

Ti è piaciuto? Pinnalo!

TAGS
RELATED POSTS
10 Comments
  1. Rispondi

    Irene

    5 Dicembre 2019

    A quanto ho capito l’unico pregiudizio corretto è quello sull’acqua.. in effetti io in Egitto (dai ‘cugini’) pur essendo stata molto attenta sono stata malissimo!

  2. Rispondi

    Marina

    5 Dicembre 2019

    Sono stata da poco in Marocco e mi ritrovo in molte cose che dici, soprattutto sul cibo: sono arrivata quasi a litigare con chi viaggiava con me e a prescindere considerava una schifezza la cucina locale perché meglio di un piatto di pasta non ce n’è.
    Quanto agli alcolici a Marrakech nei locali – almeno quelli che ho frequentato io – non c’è stato il verso di trovarne, l’unico un ristorante sul mare a Essaouira. Però sempre a Marrakech vicino al quartiere in cui avevo l’hotel e in cui spesso abbiamo mangiato (senza alcolici) c’era un’enoteca!

  3. Rispondi

    sheila

    5 Dicembre 2019

    grazie di questa lista di pregiudizi da sfatare il Marocco è molto più tranquillo di tanti altri posti, basta evitare di comportarsi da maleducati e irrispettosi

  4. Rispondi

    Sara

    5 Dicembre 2019

    Meno male che c’è qualcuno che sfata questi luoghi comuni 🙂 mio marito è del Marocco e concordo in tutto ciò che dici, soprattutto la bontà della cucina!

  5. Rispondi

    Blerina e Iljana

    6 Dicembre 2019

    Si sa che prima di partire bisogna prendersi sempre le giuste precauzioni, però bello leggere che i pregiudizi spariscono durante il viaggio stesso.
    Viaggiare è il bagaglio culturale più grande e bello che abbiamo.

  6. Rispondi

    Ciccia&Cerva

    6 Dicembre 2019

    Bellissimo articolo ed è molto interessante leggere questo tipo di racconto. Non avevo affatto pregiudizi sul Marocco, anzi mi piacerebbe andarci 🙂 E tra l’altro, tutti miei amici che ne sono tornati hanno adorato e in effetti, la conclusione era un po’ come la tua…
    Scopro il tuo blog, molto bello 🙂

  7. Rispondi

    Cla

    6 Dicembre 2019

    Tanti i miti da sfatare sul Marocco, avete fatto bene a parlarne.
    Noi siamo siamo stati da poco in Marocco e non abbiamo avuto problemi.

  8. Rispondi

    Annalisa

    6 Dicembre 2019

    Bell’articolo, devo dire che molti di questi pregiudizi ce li portiamo dietro un po’ tutti, sono contenta che l’unico reale sia quello dell’acqua!!!

  9. Rispondi

    Sara Chandana

    7 Dicembre 2019

    Mi fa piacere leggere questo post sul Marocco, sfata tanti pregiudizi. Il mio ragazzo è berbero ed ogni giorno mi stupisce per la sua apertura mentale.

  10. Rispondi

    Katarzyna

    8 Dicembre 2019

    Io detesto i pregiudizi, invece amo conoscere nuovi posti, la gente e loro tradizioni, giusto per aprire la mente e poter raccontare a gli altri ciò che ho visto con i miei occhi.

LEAVE A COMMENT

ROB & MARTA
Cagliari

Due cuori zaino in spalla. Viaggiatori in classe economica, curiosi, amanti del buon cibo e dei nuovi sapori. Sognatori squattrinati alla ricerca di una meta. Scopriamo il mondo un po' alla volta, sognando di girarlo per intero. Per noi viaggiare è AVVENTURA, CRESCITA e CONDIVISIONE.